• icons/search
  • icons/search

Phishing: che cos’è, come funziona e come proteggersi

Il phishing è una delle minacce informatiche più diffuse e insidiose, capace di ingannare gli utenti sfruttando tecniche di ingegneria sociale per ottenere accesso non autorizzato a dati sensibili.

Phishing

Indice dei Contenuti

Che cos’è il Phishing

Il phishing è una forma di truffa online dove gli aggressori cercano di ingannare le vittime inducendole a fornire informazioni personali, finanziarie o credenziali di accesso attraverso messaggi di posta elettronica, messaggi di testo, telefonate o siti web falsificati. Questi messaggi e siti sono spesso mascherati da comunicazioni ufficiali provenienti da organizzazioni note e affidabili, come banche, società di carte di credito, fornitori di servizi online e enti governativi.

L’obiettivo degli attacchi di phishing è quello di ottenere accesso non autorizzato a dati sensibili quali numeri di conto bancario, password, numeri di carte di credito, e informazioni sull’identità personale. Gli aggressori utilizzano vari espedienti per sembrare legittimi, inclusa la replica dell’aspetto visivo e del tono comunicativo delle istituzioni che cercano di impersonare, rendendo talvolta difficile per gli utenti riconoscere immediatamente la truffa. L’azione più importante che puoi fare per proteggerti è installare su tutti i tuoi dispositivi desktop e mobile uno dei migliori antivirus e acquistare una VPN, come NordVPN, per rendere sicura la tua navigazione. Questo articolo fornisce una panoramica dettagliata su cos’è il phishing, come funziona e le strategie più efficaci per proteggersi da queste minacce.

I Migliori Antivirus Antiphishing

mcafee totale protectionMcAfee Total Protection19,99€vedi offerta
Acquista Avast UltimateAvast Ultimate24,99€vedi offerta
norton 360 premiumNorton 360 Premium34,99€vedi offerta
Bitdefender Total SecurityBitdefender Total Security49,99€vedi offerta
Kaspersky Plus (ex Total Security)Kaspersky Plus (ex Total Security)29,99€vedi offerta
eset internet securityEset Internet Security34,99€vedi offerta

Il Ruolo del Phishing nei Cyber Attacchi 

Il phishing è una tecnica di social engineering utilizzata per ingannare gli utenti, inducendoli a rivelare informazioni personali, come password o dettagli bancari, attraverso email o siti web fraudolenti. Questo metodo spesso funge da punto di ingresso per altre forme di malware. Gli attacchi di phishing sono un vettore comune per malware vari, inclusi spyware, adware e ransomware, poiché le vittime possono essere indotte con l’inganno ad aprire allegati email o cliccare su link che installano il ransomware sul loro dispositivo. Il phishing, il ransomware, il malware e i trojan lavorano insieme per infiltrarsi e danneggiare reti o dispositivi. Un attacco di phishing può essere l’inizio di una catena che porta all’installazione di malware, inclusi ransomware e trojan, sul dispositivo della vittima. Una volta che l’utente cade nella trappola del phishing e compie un’azione come cliccare su un link o aprire un allegato, il malware viene scaricato e attivato, iniziando così il suo percorso distruttivo.

Come Funziona il Phishing 

Il phishing funziona sfruttando tecniche di ingegneria sociale per indurre le vittime a fornire volontariamente informazioni sensibili, come dati di accesso, numeri di carte di credito e informazioni personali. Questo processo si articola in varie fasi:

  • Gli hacker creano email, siti web o messaggi che imitano quelli di organizzazioni legittime, come banche, servizi online o enti governativi. Questi messaggi sono progettati per sembrare autentici, con loghi, linguaggio e formati simili a quelli utilizzati dalle entità imitate.
  • Le email o i messaggi di phishing vengono inviati a un vasto numero di potenziali vittime. Questo può avvenire tramite spamming email, messaggi sui social media, SMS o altre piattaforme di messaggistica. Gli aggressori possono utilizzare tecniche di spear phishing, mirando specificamente a individui o organizzazioni, per aumentare le probabilità di successo.
  • Il messaggio di phishing contiene spesso un urgente invito all’azione, come la necessità di verificare l’account, aggiornare le informazioni personali, o rispondere a un presunto problema con il conto dell’utente. L’obiettivo è spingere la vittima a cliccare su un link o aprire un allegato.
  • Il messaggio può contenere allegati che possono avere varie estensioni di file, come .exe, che sono tradizionalmente associati a programmi eseguibili potenzialmente pericolosi. Gli aggressori hanno affinato le loro tecniche e ora diffondono malware anche attraverso documenti che sembrano innocui, come false fatture, contravvenzioni, o avvisi di consegna pacchi, spesso in formato .doc (Word) o .pdf.
  • Se la vittima segue le istruzioni del messaggio di phishing, viene di solito reindirizzata a un sito web falso che imita quello legittimo. Qui, ignara del pericolo, inserisce i suoi dati sensibili, che vengono immediatamente catturati dagli attaccanti.
  • Una volta ottenute le informazioni, gli attaccanti possono utilizzarle per accedere a conti bancari, effettuare acquisti fraudolenti, rubare identità o diffondere ulteriormente malware e spam.
email phishing attack

Per proteggerti dal phishing, è essenziale mantenere la cautela quando ricevi messaggi che richiedono dati personali o finanziari, verificare la legittimità delle richieste attraverso canali ufficiali e utilizzare soluzioni di sicurezza informatica aggiornate. Inoltre, la formazione e la sensibilizzazione sull’identificazione dei tentativi di phishing possono significativamente ridurre il rischio di cadere vittima di questi attacchi.

Cosa È Necessario Affinché Un Attacco Phishing Abbia Successo

Perché un attacco phishing riesca, è fondamentale che appaia come una comunicazione legittima da un’entità di fiducia, impiegando per questo logo linguaggio e formattazioni che ricordano quelli ufficiali. Gli hacker spingono le vittime ad agire con urgenza, attraverso falsi avvisi o minacce, sfruttando l’istinto emotivo anziché il ragionamento logico. Utilizzano tecniche sofisticate per mascherare l’origine dell’attacco, come l’alterazione degli indirizzi email e la creazione di pagine web ingannevolmente simili a quelle autentiche. Il successo del phishing si basa inoltre sull’abilità di sfruttare le vulnerabilità psicologiche umane, quali la curiosità o la paura, attraverso l’ingegneria sociale, convincendo le persone a fornire volontariamente informazioni sensibili. Gli aggressori adattano continuamente le loro strategie in risposta alle difese e ai comportamenti degli utenti, optando talvolta per campagne altamente personalizzate e mirate, note come spear phishing, per incrementare l’efficacia dei loro tentativi. La chiave per difendersi efficacemente dal phishing sta nell’educazione degli utenti a riconoscere queste tattiche e nell’adozione di misure di sicurezza avanzate, oltre alla verifica delle comunicazioni attraverso canali diretti e ufficiali.

Tipologie Di Attacchi Phishing

Gli attacchi phishing si manifestano in diverse forme, ciascuna con caratteristiche proprie mirate a ingannare le vittime in modi specifici. Ecco le principali tipologie di attacchi phishing:

  • Phishing via Email: la forma più comune di phishing, che utilizza email fraudolente per indurre gli utenti a fornire dati sensibili. Queste email possono sembrare provenire da enti legittimi e spesso contengono link a siti web falsi.
  • Spear Phishing: una versione più mirata del phishing, dove gli hacker personalizzano i loro messaggi per specifici individui o aziende, utilizzando informazioni ottenute in precedenza per rendere l’attacco più credibile.
  • Whaling: una forma di spear phishing mirata a individui di alto profilo, come dirigenti aziendali o funzionari governativi. Gli attacchi sono altamente personalizzati e spesso mirano a ottenere informazioni riservate o finanziarie.
  • Smishing e Vishing: il smishing utilizza messaggi di testo (SMS) mentre il vishing si avvale di telefonate per truffare le vittime. Entrambi sfruttano tecniche di ingegneria sociale per convincere le persone a rivelare informazioni personali o finanziarie.
  • Pharming: questa tecnica indirizza gli utenti verso siti web falsi modificando le impostazioni DNS del computer della vittima o sfruttando vulnerabilità dei server DNS. Gli utenti, credendo di navigare su siti legittimi, inseriscono i loro dati che vengono poi rubati.
  • Attacchi via Social Media: utilizzano piattaforme di social networking per diffondere link malevoli o truffe tramite messaggi diretti o post. Questi attacchi spesso sfruttano la fiducia tra amici e conoscenti su questi network.
  • Angler Phishing: una forma di phishing sui social media che sfrutta il servizio clienti delle aziende. Gli attaccanti creano account falsi che sembrano rappresentare aziende legittime per rispondere a richieste di assistenza, indirizzando le vittime verso siti fraudolenti.
  • Clone Phishing: in questo scenario, gli hacker creano email che sono quasi identiche a comunicazioni legittime precedentemente ricevute dalle vittime, ma con allegati o link malevoli sostituiti a quelli originali.

Ogni tipo di attacco phishing ha come obiettivo finale l’inganno delle vittime per ottenere accesso a informazioni riservate. La conoscenza e la consapevolezza di queste diverse tecniche sono essenziali per potersi difendere efficacemente.

attacco phishing

Come Riconoscere Email Di Phishing

Per tutelare le proprie informazioni personali e finanziarie, è essenziale saper riconoscere le email di phishing. Questi tentativi fraudolenti possono essere identificati attraverso vari segnali di allarme. Innanzitutto, le email legittime da enti affidabili non richiederanno mai la condivisione di dati sensibili, come password o numeri di carte di credito, via email. Spesso, questi messaggi contengono errori di ortografia o grammaticali, segnale che potrebbero non provenire da fonti professionali. Un altro indizio è rappresentato dagli indirizzi email del mittente, che talvolta presentano insiemi casuali di lettere o tentano di emulare quelli legittimi con lievi differenze.

È prudente evitare di cliccare su link o aprire allegati non sollecitati, preferendo invece passare il cursore sopra i link per visualizzarne l’URL effettivo, alla ricerca di possibili frodi. Le email di phishing si caratterizzano anche per l’uso di toni urgenti o minacciosi, volti a spingere l’utente all’azione immediata. Offerte eccessivamente vantaggiose, come premi ingenti o aiuti finanziari, dovrebbero sollevare sospetti.

Prima di cliccare su qualsiasi link, si consiglia di digitare direttamente l’indirizzo del sito in una nuova scheda del browser. Le email di phishing utilizzano spesso saluti impersonali, tipo “Gentile cliente“, e possono includere informazioni inconsistenti rispetto a quelle note sull’azienda che dovrebbe aver inviato il messaggio. Per una maggiore sicurezza, è utile installare software antivirus e antiphishing, capaci di rilevare e bloccare le email sospette.

Educarsi sui tratti distintivi del phishing e adottare un atteggiamento critico verso email sospette rappresenta la strategia migliore per proteggere se stessi e le proprie informazioni nel vasto mondo digitale.

Come Ci Si Difende Dal Phishing

Per difendersi efficacemente dal phishing, è indispensabile adottare un approccio che integri la consapevolezza personale con soluzioni tecnologiche avanzate. Un primo passo cruciale è l’informazione: conoscere le tattiche utilizzate dagli aggressori e imparare a identificare i segnali di pericolo rappresenta la base per evitare trappole online. Parallelamente, è essenziale verificare sempre l’origine di richieste di dati sensibili, preferendo il contatto diretto con le entità coinvolte attraverso canali verificati.

L’installazione e l’aggiornamento di software di sicurezza, come antivirus e antimalware, giocano un ruolo chiave nel bloccare tentativi di intrusione e siti malevoli. Anche una gestione prudente delle email, evitando di aprire allegati o cliccare su link da mittenti non verificati, contribuisce alla propria sicurezza digitale. L’attivazione dell’autenticazione a più fattori aggiunge un ulteriore strato di protezione, complicando l’accesso ai conti online da parte di malintenzionati.

Non meno importante è mantenere aggiornati i propri dispositivi, poiché gli aggiornamenti di sistema spesso correggono vulnerabilità che potrebbero essere sfruttate per condurre attacchi. La cautela nella condivisione di informazioni personali sui social network riduce le opportunità per gli hacker di personalizzare attacchi di phishing mirati. Inoltre, avere backup regolari dei propri dati garantisce la disponibilità delle informazioni in caso di incidenti.

Le aziende, dal canto loro, hanno la responsabilità di formulare politiche di sicurezza che promuovano la formazione dei dipendenti, l’utilizzo di strumenti di protezione all’avanguardia e l’implementazione di procedure per la segnalazione di attività sospette. Infine, è fondamentale essere vigili anche rispetto a smishing e vishing, forme di phishing che sfruttano rispettivamente SMS e chiamate telefoniche, applicando la stessa prudenza riservata alle email.

Implementando queste misure, sia individualmente che a livello organizzativo, si può notevolmente diminuire il rischio di essere vittime di phishing, salvaguardando così le proprie informazioni da accessi indesiderati.

mcafee totale protectionMcAfee Total Protection19,99€vedi offerta
Acquista Avast UltimateAvast Ultimate24,99€vedi offerta
norton 360 premiumNorton 360 Premium34,99€vedi offerta
Bitdefender Total SecurityBitdefender Total Security49,99€vedi offerta
Kaspersky Plus (ex Total Security)Kaspersky Plus (ex Total Security)29,99€vedi offerta
eset internet securityEset Internet Security34,99€vedi offerta

Cosa Fare Dopo Aver Cliccato Su un Link Phishing

Se ti accorgi di aver cliccato su un link di phishing, è cruciale intervenire immediatamente per minimizzare le conseguenze. Innanzitutto, scollega il tuo dispositivo dalla rete internet per fermare eventuali trasferimenti di dati dannosi. Successivamente, è vitale cambiare le password di accesso ai servizi più importanti, preferibilmente utilizzando un altro dispositivo che consideri sicuro, specialmente se hai digitato le tue credenziali sul sito fraudolento.Procedi con un’attenta verifica delle attività recenti sui tuoi account, alla ricerca di movimenti insoliti che possano suggerire intrusioni. È fondamentale anche effettuare una scansione completa del tuo sistema con un software antivirus di fiducia per identificare e eliminare malware potenzialmente scaricato.

ho aperto una mail di phishing

Non dimenticare di attivare l’autenticazione a due fattori sui tuoi account, se non lo hai già fatto, per aggiungere un ulteriore strato di protezione. Nel caso in cui tu abbia fornito informazioni finanziarie, informa subito la tua banca dell’accaduto per ottenere supporto e prevenire frodi.

È utile anche segnalare l’incidente di phishing a enti preposti come il CERT nazionale o autorità di protezione dei consumatori, per contribuire alla lotta contro questi attacchi. Nei giorni successivi, mantieni alta l’attenzione sui tuoi account finanziari, monitorando eventuali operazioni non autorizzate.

Sfrutta questa esperienza per accrescere la tua conoscenza su come identificare i tentativi di phishing, migliorando così le tue abitudini di sicurezza digitale. Assicurati infine di avere dei backup aggiornati dei tuoi dati più importanti, che ti permetteranno di ripristinare le informazioni in caso di necessità.

Ricordati sempre che prevenire è meglio che curare. Essere informati sui vari metodi di attacco e adottare pratiche di navigazione sicure sono le migliori difese a tua disposizione per salvaguardare i tuoi dati personali da minacce online.

Quando La Banca Rimborsa In Caso Di Phishing

La possibilità di ottenere un rimborso da parte delle banche in seguito a una frode di phishing è influenzata da vari elementi, come la normativa vigente nel Paese, le linee guida specifiche adottate dall’istituto bancario e le dinamiche dell’attacco subito. Generalmente, le banche si attengono a principi fondamentali per valutare l’ammissibilità al rimborso del cliente.

Un aspetto cruciale è la tempestività con cui il cliente segnala l’accaduto: segnalare in fretta transazioni dubbie o non autorizzate può significativamente aumentare le probabilità di ricevere un rimborso, dimostrando proattività e responsabilità nel cercare di mitigare il problema. D’altra parte, se il cliente si è comportato in modo negligente, ad esempio diffondendo dati personali come password o PIN, l’istituto potrebbe optare per non erogare il rimborso, sebbene la definizione di negligenza possa variare in base al contesto specifico e alle politiche bancarie.

Le condizioni d’uso stabilite dalle banche, che includono le precauzioni da adottare per salvaguardare le informazioni personali e finanziarie, giocano un ruolo determinante. La mancata adesione a queste normative può incidere negativamente sulla decisione di rimborso. Tuttavia, se il furto di dati è stato facilitato da carenze nei sistemi di sicurezza della banca, quest’ultima è più incline a rimborsare il cliente, avendo l’obbligo di garantire un ambiente sicuro per le operazioni finanziarie.

Con l’introduzione della Direttiva PSD2 in Europa, le regole attorno alla sicurezza dei pagamenti elettronici e alla tutela dei consumatori si sono inasprite, prevedendo il rimborso dei clienti per le operazioni non autorizzate, a meno che non venga provata una grave negligenza da parte loro.

Dato che le normative e le politiche di rimborso possono differire ampiamente a seconda del contesto nazionale e dell’istituto di credito, è sempre raccomandato dialogare direttamente con la propria banca per avere un quadro chiaro delle procedure applicabili. Ad ogni modo, adottare misure preventive e segnalare prontamente eventuali anomalie rimane fondamentale per tutelare i propri interessi finanziari e massimizzare le possibilità di recupero delle somme in caso di attacchi di phishing.

Domande Frequenti sul Phishing

Se ricevi un messaggio che sospetti essere un tentativo di phishing, non cliccare su nessun link o allegato presente nel messaggio, non fornire nessuna informazione personale e segnala il tentativo all’ente o all’organizzazione che viene falsamente rappresentata. È anche consigliabile segnalare l’incidente alle autorità competenti o agli organismi di sicurezza informatica.
Per proteggerti dal phishing, è importante mantenere un approccio critico verso le e-mail e i messaggi ricevuti, non fornire mai informazioni personali tramite e-mail o messaggi, utilizzare software antivirus e antiphishing aggiornati, tenere aggiornati i sistemi e i browser e utilizzare autenticazioni a più fattori per gli account online.
No, il phishing può verificarsi attraverso vari canali, inclusi SMS (smishing), chiamate telefoniche (vishing), siti web fraudolenti e persino tramite messaggi su piattaforme di social media. Gli aggressori utilizzano diversi metodi per raggiungere le vittime e ottenere le informazioni desiderate.
I siti web di phishing sono pagine false create per assomigliare a siti legittimi con l’obiettivo di ingannare gli utenti affinché inseriscano dati sensibili come username, password e informazioni finanziarie. Questi siti possono essere promossi tramite link in e-mail di phishing, messaggi o attraverso la manipolazione dei risultati di ricerca su internet.
Le organizzazioni possono prevenire il phishing attraverso la formazione e l’educazione dei dipendenti sui rischi e sui metodi di riconoscimento dei tentativi di phishing, l’implementazione di soluzioni di sicurezza come filtri anti-spam, sistemi di autenticazione forte e la verifica regolare delle configurazioni di sicurezza dei sistemi informatici.

Lascia un commento

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici

Newsletter

Ricevi le migliori storie del blog nella tua casella di posta!

Ultimi articoli

Scelti da noi

ARTICOLI DEL GIORNO

Iscriviti alla Newsletter

abbiamo una sorpresa per te!

Per il mese di Marzo abbiamo preparato un’iniziativa esclusiva. Sarà una primavera da ricordare con Mr Key Shop.

Iscriviti alla lista d’attesa per ricevere per primo la notizia.